Arabic Arabic Dutch Dutch English English French French German German Hebrew Hebrew Italian Italian Portuguese Portuguese Russian Russian Spanish Spanish

A quanto ammontano le vendite al dettaglio di mobili nel 2016? – Mobili per ufficio MIGE

Mobili per ufficio MIGE

A quanto ammontano le vendite al dettaglio di mobili nel 2016? – Mobili per ufficio MIGE

|12 Agosto 2018 | News

Le vendite al dettaglio di mobili e biancheria da letto sono aumentate di circa il 2.7% quest'anno, raggiungendo i 104.8 miliardi di dollari. Nel 2015, le vendite al dettaglio sono state di $ 102 miliardi, il 3.9% rispetto alle vendite del 2014 di $ 98.2 miliardi. Questi dati sulle vendite di mobili e biancheria da letto sono le stime delle ricerche di mercato di Furniture Today, basate sui dati sulla spesa per consumi personali forniti dal Bureau of Economic Analysis del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti.

 

Come negli ultimi anni, gli indicatori economici del 2016 sono stati un misto di buoni e cattivi. Un buon segnale economico sono i livelli di reddito delle famiglie statunitensi che sono aumentati per la prima volta dalla recessione. Il reddito familiare medio reale per il 2015 è aumentato del 5.2% a $ 56,516 dal reddito medio del 2014 di $ 53,718, secondo le ultime informazioni dell'US Census Bureau. Il reddito medio reale della scrivania dell'ufficio del 2015 è dell'1.6% inferiore al reddito mediano di $ 57,423 nel 2007, l'anno prima della recessione. L'aumento del reddito medio è stato osservato in tutte le caratteristiche, tra cui regione, età, razza ed etnia. Le vendite di alloggi hanno visto un miglioramento. A settembre, le vendite di nuove case sono aumentate del 3.1% da agosto a 593,000, con un aumento del 29.8% rispetto a settembre 2015. Le vendite di case esistenti sono aumentate fortemente a settembre del 3.2% a 5.47 milioni, con un aumento delle chiusure per tutte le principali regioni. La disoccupazione ha visto pochi cambiamenti da agosto 2016. I livelli di disoccupazione sono al 5% per settembre 2016 e anche il numero di disoccupati, a 7.9 milioni, è cambiato poco. Al contrario, la fiducia dei consumatori è recentemente diminuita. Dopo essere salito del 2.3% a settembre a 103.5 sull'indice, un aumento per il secondo mese consecutivo di suddivisione degli uffici e il livello più alto dalla recessione, è sceso a ottobre a 98.6.

Condividi questo post: